2 MILIONI DI GRECI RISCHIANO IL TAGLIO DELLA CORRENTE

La permanenza della Grecia nella zona euro ha dei costi umani altissimi, sopratutto per i cittadini greci.
Il trdimento di Tsipras ( non ha rispettato il referendum ) e la successiva approvazione del memomarandum imposto dalle “istituzioni ” europee ( ex Troika ) sta affamando i greci.

A causa delle tasse supplementari che sono contenute nella bollette elettrica, come tasse sulle emissioni, cose ecologiche varie, tasse comunali, canone della televisione pubblica, ecc. il costo della bolletta e più che raddoppiato.

La situazione che si è venuta a creare è drammatica, più di due milioni di utenti greci è in arretrato col pagamento delle bollette ed ora l’azienda pubblica (che dovrebbe fornire un servizio e non lucrare su di esso ) è pronta a tagliare la corrente a queste famiglie, attività commerciali, artigiani, piccole e medie imprese.

Ad essere esentati dal programma di chiusura dell’elettricità saranno i consumatori che rientrano nei programmi di “politica dei prezzi sociali”, sebbene l’azienda pubblica stia decidendo anche di ridefinire questa categoria di consumatori, dato che alcuni avrebbero apparentemente abusato di questa fornitura, che è rivolta solamente alle famiglie povere e alle persone con disabilità.

Le famiglie e le imprese hanno iniziato a sprofondare nel debito con l’azienda elettrica pubblica dopo che il governo ha incorporato la Tassa Speciale sulla Proprietà nelle bollette elettriche del 2011. I debiti verso l’azienda elettrica pubblica hanno iniziato rapidamente ad aumentare perché i consumatori semplicemente non riuscivano a pagare bollette elettriche bimestrali che erano esplose da, diciamo, 100 euro a più di 250 euro in un colpo solo, e nel mezzo della crisi economica, con recessione, disoccupazione e calo dei reddito.

Tsipras sembra aver giurato fedeltà più che al popolo greco all’euro e alla Merkel e questa scelta rischiosa porterà la Grecia al medioevo, il taglio della corrente è solo il primo passo.

Riccardo Gambi

Fonte: KeepTalkingGreece

I commenti sono chiusi.